Libia: Uranio Impoverito

Uranio impoverito: uno strano modo per proteggere i civili libici

di David Wilson – Stop the War Coalition
Traduzione: Dakota Jones – ilupidieinstein

“[Missili con la punta all’uranio impoverito] corrispondono alla descrizione di una bomba sporca sotto ogni aspetto … direi che è l’arma perfetta per uccidere molte persone”. – Marion Falk, fisico chimico (in pensione), Lawrence Livermore Lab, California, USA

Nelle prime 24 ore dell’attacco libico, i B-2 degli Stati Uniti hanno lanciato quarantacinque bombe da 2.000 libbre. Queste imponenti bombe, come i missili da crociera lanciati da aerei e navi inglesi e francesi, avevano tutte testate all’uranio impoverito (DU).

L’Uranio Impoverito è il prodotto di scarto del processo di arricchimento del minerale uranio. E ‘utilizzato nelle armi e nei reattori nucleari. Poiché è una sostanza molto pesante, 1,7 volte più denso del piombo, è molto apprezzato dai militari per la capacità di perforare mezzi corazzati ed edifici. Quando un’arma fatta con una punta di Uranio Impoverito colpisce un oggetto solido come il fianco di un carro armato, lo attraversa direttamente, poi esplode in una nuvola di vapore ardente. Il vapore si deposita sotto forma di polvere, che non solo è velenosa, ma anche radioattiva.

Un missile all’uranio impoverito quando colpisce, brucia a 10.000° C. Quando colpisce una bersaglio, il 30% si frammenta in schegge. Il restante 70% evapora in tre ossidi altamente tossici, tra cui l’ossido di uranio. Questa polvere nera resta sospesa in aria e, a seconda del vento e delle condizioni meteo, può viaggiare a grandi distanze. Se pensate che l’Iraq e la Libia sono lontani, ricordate che le radiazioni di Chernobyl hanno raggiunto il Galles.

Le particelle inferiori a 5 micron di diametro vengono facilmente inalate e possono rimanere nei polmoni o altri organi per anni. L’Uranio Impoverito all’interno può causare danni renali, il cancro ai polmoni e delle ossa, malattie della pelle, disturbi neurocognitivi, danni cromosomici, sindromi da immunodeficienza e malattie rare renali e intestinali. Le donne in gravidanza esposte al DU possono dare alla luce bambini con difetti genetici. Una volta che la polvere si è vaporizzata, non aspettatevi che il problema finisca presto. Essendo un emettitore di particelle alfa, il DU ha un tempo di dimezzamento di 4,5 miliardi di anni.

Nell’attacco di tipo “colpisci e terrorizza” all’Iraq, più di 1.500 bombe e missili sono stati lanciati sulla sola Baghdad. Seymour Hersh ha affermato che la Terza Aerobrigata della marina degli Stati Uniti ha lanciato da sola più di “cinquecento mila tonnellate di ordigni”. Tutti con la punta all’uranio impoverito.

Al Jazeera ha riferito che le truppe di invasione degli Stati Uniti hanno sparato duecento tonnellate di materiale radioattivo in edifici, case, strade e giardini di Baghdad. Un giornalista del Christian Science Monitor ha portato un contatore Geiger nei luoghi della città che erano stati sottoposti a pesanti bombardamenti da parte delle truppe statunitensi. Ha riscontrato livelli di radiazione da 1.000 a 1.900 volte superiori al normale in aree residenziali. Con una popolazione di 26 milioni, gli Stati Uniti hanno sganciato una bomba da una tonnellata ogni 52 cittadini iracheni o 40 libbre di esplosivi a persona.

William Hague ha detto che siamo in Libia “per proteggere i civili e le aree civili popolate “. Non c’è bisogno di guardare lontano per trovare chi e che cosa è ‘protetto’.

Nelle prime 24 ore gli ‘Alleati’ hanno ‘speso’ 100.000.000 di Euro in ordigni all’uranio impoverito. La relazione sul controllo degli armamenti dell’Unione europea ha dichiarato che gli Stati membri hanno rilasciato nel 2009 licenze per la vendita di 293.200.000 di Euro in armi e sistemi di armi alla Libia. La Gran Bretagna ha rilasciato licenze alle imprese di armi per 21.700.000 Euro di armamenti verso la Libia e sono stati anche pagati dal colonnello Gheddafi per inviare il SAS ad addestrare la sua 32a Brigata.

Per i prossimi 4,5 miliardi di anni, scommetto che William Hague non andrà in vacanza in Nord Africa.

Una nota sulle fonti

I militari ed i politici sono molto reticenti sugli usi dell’uranio impoverito, ma sappiamo che il DU viene utilizzzato o è stato utilizzato nei seguenti ordigni. L’elenco non è esaustivo:

  • Munizioni M919 25 millimetri usate nel Bradley Fighting Vehicle141
  • Munizioni PGU-14 30 millimetri usate dal Thunderbolt II A-10
  • M900 105 millimetri tank round utilizzato dall’esercito e dai Corpi dei Marines degli Stati
  • Munizioni M829A1/M829A2 120 millimetri utilizzate dalla M1 Abrams Main Battle Tank
  • Missili cruise Tomahawk
  • GBU-28 ‘Bunker Buster’
  • Munizioni CHARM 3 APFSDS L27 in uso presso l’esercito britannico
  • BLU-122/BA/B penetrator 5000 libbre
  • BLU-113 A / B penetrator 4700 libbre

Fonte …

L’unica prova di un allontanamento dall’uso di uranio impoverito sono le munizioni MK149 20 millimetri, precedentemente utilizzate dal Phalanx Anti-Ship Missile Defense System della Marina degli Stati Uniti, sostituite da una versione non-DU con un penetratore al tungsteno.

Il ministero della Difesa britannico e il Dipartimento della Difesa statunitense sono attenti al modo in cui si riferiscono all’uranio impoverito e preferiscono non rispondere alle domande sul suo utilizzo. Ma in quei documenti ‘ufficiali’, che siamo stati in grado di esaminare, è chiaro che il DU è lodato per le sue eccellenti qualità di penetrazione e si deve presumere che, ciò che è considerato di valore militare, sta per essere utilizzato, soprattutto quando i portavoce politici dei militari sono ansiosi di negare che il DU ha effetti nocivi sugli esseri umani.

Se è innocuo ed efficace, perché non usarlo? Così il Segretario alla Difesa britannico, Liam Fox, in uno scambio di lettere con Bill Wilson (nessuna relazione), membro del parlamento scozzese nel febbraio 2011, ha detto:

“Il Regno Unito non supporta risoluzioni che presuppongono che il DU è pericoloso … La politica del Governo è che il DU può essere utilizzato all’interno delle armi; non è vietato dagli attuali o probabilmente futuri vigenti accordi internazionali. Le forze armate del Regno Unito usano munizioni all’uranio impoverito in conformità con la legge umanitaria internazionale. Sarebbe sbagliato negare al nostro personale in servizio una facoltà legittima”.

Liam Fox sta ripetendo il punto di vista dei precedenti segretari della Difesa del Regno Unito. Questo è un estratto di una lettera dell’allora Segretario alla Difesa, Des Brown, a Tony Benn, datata 21 aprile 2008

“In conclusione, la nostra visione rimane che il DU può essere legittimamente utilizzato all’interno di armi e che sarebbe un grave errore per il governo del Regno Unito negare alle nostre truppe una facoltà legittima che fornisce la migliore protezione possibile per loro durante i conflitti armati”.

La mia opinione è che dobbiamo presumere che l’uranio impoverito rimane in uso negli ordigni di cui sopra e che l’elenco è probabilmente incompleto. Dato che ci viene detto, quando ci viene detto qualcosa, che il DU non è pericoloso ed è uno strumento efficace per la guerra, perché non dovrebbero continuare ad usarlo?. Finché questo è il parere ufficiale dei militari e dei politici dobbiamo prenderlo alla lettera e costringerli a confermare con prove che abbiamo torto e che l’uranio impoverito non è più utilizzato.

Mi piacerebbe essere smentito come anche, ancora di più, piacerebbe alle persone che sono sotto i bombardamenti. I militari e i politici ci danno tutte le ragioni per supporre il peggio.

Nota:

Quando si esaminano i documenti ufficiali sulle armi sia negli Stati Uniti che nel Regno Unito si trovano pochi riferimenti agli usi del DU, preferiscono parlare di ‘miglioramenti’ e ‘modifiche di progetto’ a ‘migliorare penetrazioni’ come qui:

“L’Air Force sta migliorando la capacità di attaccare obiettivi robusti e/o profondamente sepolti in condizioni ambientali avverse. Le prestazioni degli attuali BLU-113 4.700-lb, utilizzati dallla GBU-28/bomba laser-guidata GPS, sono notevolmente migliorate attraverso la modifica del progetto della testata BLU-122, migliorandone la penetrazione, la letalità, e capacità di sopravvivenza. Questa modifica aumenta il numero degli obiettivi nascosti in profondità ritenuti a rischio. Inoltre, alcuni obiettivi ritenuti a rischio richiederanno un minor numero di armi, riducendo pertanto il numero delle missioni necessarie per abbattere un bersaglio “.

Tuttavia, il think-tank Global Security a Washington fornisce un’ottima storia degli usi militari dell’uranio impoverito.

Fonte: Stop the War Coalition 24 Marzo 2011

Traduzione: Dakota Jones

http://ilupidieinstein.blogspot.com/2011/03/uranio-impoverito-uno-strano-modo-per.html
Advertisements
This entry was posted in +Archivio Generale - All Posts, Crimini contro l'umanità, Crimini di guerra, Guerra, Libia, Strategie belliche, Uranio impoverito. Bookmark the permalink.