Cronaca di un progressivo intensificarsi di operazioni militari che puzzano lontano un miglio di Al Qaeda-Mossad

Cosa ci guadagnerebbe in questo momento l’Autorita’ Palestinese (di Ramallah e Gaza) da uno sproporzionato (in forze sul campo) conflitto a fuoco con Tel Aviv, proprio alla vigilia dell’imminente presentazione alle Nazioni Unite di una richiesta ufficiale quale Stato Autonomo, Sovrano e Indipendente? Nulla, a parte discredito, un po’ più di macerie e morti, e sicuramente meno territorio.

E chi ha invece tutto da guadagnare da un “Piombo Fuso-2”, con una guerra in corso per risolvere crisi interne, il West Bank blindato, ed il Sinai occupato e militarizzato? Basta leggere gli editoriali del fanatismo sionista, sclerato e militante, d’ogni latitudine, per rendersene conto.

Perchè, come al solito, le eterne vittime “piangono il morto per fottere i vivi”.

Serviva un serio casus belli: e qual’è la più preparata e organizzata agenzia d’intelligence esperta in “false flags”? Ricordate?

“Si scrive Al-Qaeda, ma si legge CIA e si pronuncia Mossad”.

FFP – 20 agosto 2011 – http://www.terrasantalibera.org/

CHRONICLE OF A PROGRESSIVE ESCALATION OF MILITARY OPERATIONS, STINKING OF  AL QAEDA-MOSSAD

.

What will gain the Palestinian Authority (Ramallah and Gaza) in this time from an armed conflict with Tel Aviv, on the eve of the forthcoming presentation to the UN as an official request of an Individual State, Sovereign and Independent? Nothing: just a bit of discredit, a little more rubble and dead, and certainly less territory.

.
And who has everything to gain from a “Lead Time-2”, with an ongoing war to solve internal crises, the West Bank armored, the Sinai occupied and militarized? Just read the editorials of the Zionist fanatic militants, from every latitude, to realize it.

.

Because, as usual, the eternal victims “cry the dead to fuck the living.”
They needed a real casus belli: and what is the most prepared and organized intelligence agency expert on “false flags”? Remember?

.
“It says Al-Qaeda, but it reads CIA and Mossad is the correct pronunciation”.

FFP – August 20, 2011 – http://www.terrasantalibera.org/

————————————————————————————

Palestina – Gaza : 16 arabi uccisi

in 24 ore, passanti, donne e bambini


In one airstrike, Israeli warplanes struck a target in the town of Khan Yunis, but no casualties have been reported from that attack yet.

Medical sources say a five-year-old was among the fatalities of the attacks carried out late on Friday.

The Israeli airstrikes began on Thursday, shortly after eight Israelis were killed near the Red Sea resort town of Eilat.

Dozens of Palestinians have also been injured in the attacks.

Israeli officials have blamed a Gaza-based militant group called the Popular Resistance Committee (PRC) for Thursday’s attack and have vowed a “full force” response targeting Gaza.

Israel said the attackers had infiltrated from the Hamas-run Gaza Strip, although the PRC, which is not affiliated with Hamas, denied involvement in the incident.

Hamas has said that it had nothing to do with the assault and has warned against any act of aggression against the Gaza Strip.

REMEMBER PALESTINE – DOC

————————————————————————————-

6 morti a Gaza dopo raid israeliano

18 agosto 2011 – fonte PIC – traduzione TSL

GAZA – Secondo fonti locali palestinesi, sei uomini sono stati uccisi in un raid missilistico israeliano lanciato giovedì 18 agosto sulla casa di un leader della resistenza a Rafah, a sud della Striscia di Gaza.

 Testimoni hanno riferito all’agenzia PIC che gli aerei israeliani hanno sparato il missile contro una casa nel sobborgo di Shaut, a Rafah, uccidendo il segretario generale dei comitati di resistenza popolare, Abu Awad Al-Nairab, e due altri leader insieme a tre membri della sua famiglia.

 Il ministro della guerra israeliano, Ehud Barak, aveva minacciato di colpire Gaza in rappresaglia per l’attacco vicino a Eilat, durante il quale erano rimasti uccisi sette israeliani e feriti più 20 altri, cinque dei quali in gravi condizioni.

 Ehud Barak ha affermato che gli aggressori provenivano da Gaza, ma nessuno sin’ora ha in realtà rivendicato l’attacco contro l’IOF (Israeli Occupation Forces).

————————————————————————————–

7 morti e 25 feriti in attacchi multipli

contro obiettivi militari israeliani

18 agosto 2011 – fonte PIC – traduzione TSL

EILAT – Cinque militari (7 secondo gli ultimi dispacci di agenzie – ndr) sono stati uccisi e 25 feriti in due attentati contro autobus che trasportavano soldati israeliani, vicino alla città meridionale occupata di Um al-Rashrash (Eilat) durante il giovedi ebraico, stando a quanto riferiscono i media locali.

Fonti ufficiali hanno detto che gli autobus “Egged” erano occupati soprattutto da soldati che si stavano dirigendo da Beer Sheba a Eilat. Essi sono venuti a trovarsi sotto il fuoco di uomini armati, ma hanno continuato la loro corsa sino a raggiungere la barriera militare israeliana. Rapporti indicano che sono stati i proiettili sparati contro il secondo bus che hanno causato le morti dei militari.

L’agenzia Reuters ha detto che l’attacco è avvenuto a 30 chilometri a nord di Eilat.

Un gran numero di truppe di occupazione israeliane, sostenute da elicotteri militari, sono accorse sul posto dopo aver appreso la notizia dell’attacco.

————————————————————————–

Attacco di Eilat:

Hamas nega ogni responsabilità

18 agosto 2011 – fonte PIC – traduzione TSL

GAZA – Hamas ha negato ogni responsabilità per l’attacco, nei pressi di Eilat giovedì mattina,  ai due autobus carichi di soldati israeliani, il quale ha lasciato sul campo sette morti e 20 feriti.

Il movimento che regge Gaza ha detto in un comunicato che non fa parte della sua politica utilizzare le terre di altri paesi per lanciare attacchi contro obiettivi israeliani.

Israele invece ha detto che gli aggressori provenivano da Gaza, attraverso il territorio egiziano.

Hamas ha ribattuto che sarebbe stato in prima linea tra i difensori di Gaza nel  caso che Israele osasse attaccare, come minacciato dal suo ministro della Guerra, Ehud Barak.

Ehud Barak è accusato delle atrocità commesse da Israele nei confronti del popolo  palestinese  e contro i suoi santuari, in particolare nel mese del Ramadan.

Hamas ha fatto appello ai paesi arabi e islamici, ai popoli liberi del mondo, alla comunità internazionale, ad assumere ognuno le proprie responsabilità nei confronti delle minacce israeliane contro Gaza e la sua popolazione.

Da parte sua, Abu Obaida, il portavoce del braccio armato di Hamas, le brigate Qassam, ha avvertito che essi reagiranno a qualsiasi aggressione contro la Striscia di Gaza.

Il dottor Salah Al-Bardawil, un leader di Hamas, ha detto che il suo movimento adotta la strategia, chiaramente espressa in più occasioni, di non utilizzare territori di altri paesi per resistere all’occupazione.

Egli ha detto che Israele sta cercando di eludere la sua crisi interna attaccando Gaza, aggiungendo che il suo movimento non sarebbe rimasto con le braccia conserte nei confronti di qualsiasi aggressione.

FONTE: TerraSantaLibera.org

http://www.terrasantalibera.org/

Advertisements
This entry was posted in +Archivio Generale - All Posts, Complotti israeliani, False flags, Gaza, Guerra coloniale, Israele, Killeraggi, Mossad, Palestina, Sionismo, Strategie di guerra, VIDEO. Bookmark the permalink.

One Response to Cronaca di un progressivo intensificarsi di operazioni militari che puzzano lontano un miglio di Al Qaeda-Mossad

  1. Pingback: Si scrive Al Qaeda, si legge CIA e si pronuncia Mossad… « AGERECONTRA

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s