Nel 2011 Israele ha assassinato 180 palestinesi ed ha approvato 27mila unità abitative per coloni + Video

Ramallah – 30/12/2011 – Come per il 2010, anche quest’anno, l’Organizzazione per la Liberazione della Palestina (Olp) intitola il rapporto sui crimini israeliani contro i palestinesi: “Il popolo sotto occupazione“.

“Nel 2011, le forze d’occupazione israeliane hanno assassinato 180 cittadini palestinesi, e ne hanno arrestati 3.300”.

  • Tra i 180 palestinesi assassinati: 21 sono bambini palestinesi, sette sono stati uccisi nel mese di dicembre 2011 nella Striscia di Gaza e in Cisgiordania.
  • I 3.300 arrestati provengono da Cisgiordania e da al-Quds (Gerusalemme).
  • Attività coloniali israeliane in Palestina nel 2011: Israele ha approvato la costruzione di 26.837 unità abitative in diverse zone dei Territori palestinesi occupati.
  • 1.664 unità abitative sono state costruite all’interno delle colonie nella Gerusalemme occupata e nei dintorni. 15.525 ettari di terra sono stati confiscati, mentre sono state abbattute 495 abitazioni palestinesi. 18.764 gli alberi sradicati.
  • Ancora: le autorità d’occupazione israeliane hanno ordinato la demolizione di 19 case tra Gerusalemme e periferia come anche nella città di Beit Jala e ad Ariha (Gerico).
  • Numerosi i pozzi d’acqua e baracche o strutture per l’agricoltura sono state abbattute in varie zone della Cisgiordania occupata.
  • 60mila palestinesi sono stati isolati con la costruzione di un nuovo checkpoint tra il campo profughi di Shu’faat e Gerusalemme. 
  • La chiusura di Bab al-Mugharibah, ponte di di collegamento con la moschea al-Aqsa, perché la sua struttura sarebbe “pericolante”, sono azioni parte integrante del piano israeliano di ebraicizzare la Città Santa, secondo quanto viene osservato nel rapporto.
  • Gli attacchi dei coloni israeliani: una catena di attacchi “terroristici” hanno investito diverse moschee nelle comunità palestinesi in maniera costante e per tutto il 2011.
  • I coloni israeliani hanno appiccato il fuoco alla moschea ‘Akasha, ad ovest di Gerusalemme, alla moschea an-Nour a Bourqah (Ramallah) e all’entrata della moschea ‘Ali bin Abi Taleb a Bourqin (Salfit). 
  • Puntualmente sono state lasciate razziste come è accaduto nella moschea di al-Hasabah, a Bani Na’im (al-Khalil/Hebron). Anche la chiesa ortodossa di San Giovanni, nei pressi del fiume Giordano, è stata profanata.
  • Nel mese in corso, dicembre 2011, coloni israeliani hanno incendiato una decina di automobili di proprietà palestinese, hanno confiscato con la forza 1.910 ettari di terra palestinese per ampliare insediamenti o appostarsi con container tra Jenin e Betlemme, rispettivamente a nord-ovest e a sud della Cisgiordania.

Original link: http://www.infopal.it/leggi.php?id=20211

 © Agenzia stampa Infopal – E’ permessa la riproduzione previa citazione della fonte “Agenzia stampa Infopal – http://www.infopal.it”

*

Israele ha ucciso 180 Palestinesi nel 2011 – Press TV News

(re-uploaded video by Apologeniuss)

Advertisements
Gallery | This entry was posted in +Archivio Generale - All Posts, Colonialismo, Occupazione sionista, Palestina Occupata, Rapporti, Rapporto OLP 2011, Sionismo, Terrorismo, VIDEO, Zionism. Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s