IRAN: i terroristi per Sion seminano, dopo gli attentati in Siria, morte e caos a Teheran

Iran: autobomba a Teheran, ultimi dettagli

– TEHERAN – Un morto e due feriti oggi a causa di autobomba nei pressi dell’Università Politecnica di Teheran. La Mehr News ha identificato la vittima come Mostafa Ahmadi-Roshan, 32 anni, alla guida di un dipartimento dello stabilimento commerciale presso il sito nucleare Natanz. Alcuni testimoni hanno detto all’agenzia di aver visto due persone a bordo della moto piazzare la bomba sull’auto. Oltre all’uomo a bordo della macchina ha perso la vita anche un passante. Un’altra persone che era sull’auto è rimasta gravemente ferita.

L’agenzia di stampa Fars citando il vice-governatore di Teheran Safarali Baratloo, ha scritto che La bomba era di tipo magnetico e dello stesso tipo di quelle usate in precedenza per uccidere gli scienziati ed è opera dei sionisti“.

L’organizzazione iraniana per l’energia atomica ha detto che a breve diffonderà un comunicato stampa.

L’episodio potrebbe essere l’ultimo di una lunga serie che negli ultimi anni hanno colpito in particolare scienziati e docenti iraniani del settore nucleare, tutti vittime di attentati o di improvvise sparizioni.

Prima di Ahmadi Roshan, l’ultima vittima era stata un fisico nucleare, assassinato il 23 luglio a Teheran da sconosciuti in motocicletta che gli hanno sparato davanti a casa, ferendo anche la moglie. Si trattava di Daryoush Rezaie, 35 anni, docente universitario che aveva legami con l’agenzia atomica iraniana.

Un precedente episodio risale al 29 novembre 2010: le auto di due responsabili del programma nucleare iraniano, Majid Shahriari e Ferydoun Abbassi Davani, saltarono in aria per l’esplosione di ordigni piazzati vicino alle vetture da motociclisti mai identificati. Shahriari, responsabile del progetto sui reattori nucleari, morì. Abbassi Davani rimase invece soltanto leggermente ferito e da febbraio è il direttore dell’Agenzia atomica iraniana.

E ancora, il 12 gennaio 2010 un altro scienziato nucleare di fama internazionale, Masoud Ali Mohammadi, era stato ucciso dall’esplosione di una moto-bomba mentre usciva di casa a Teheran.

L’Iran punta il dito contro i servizi segreti di USA, Gb e Israele per gli attacchi che mirano ad eliminare persone il cui lavoro nel programma nucleare iraniano era fondamentale.

IRIB

Advertisements
Gallery | This entry was posted in +Archivio Generale - All Posts, Attacchi israeliani, Attentati, Complotti israeliani, Iran, Teheran, Terrorism, Terrorismo. Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s