Ministero dell’Informazione Siriano: Aggiornamenti al 1 febbraio 2012 – Syrian Ministry of Information: February 1, 2012 Updates – (ITA-ENG)

  • Un gruppo terroristico armato ha sabotato ieri un oleodotto nella regione di Bab Amro, vicino ad Homs, causando lo scoppio di un enorme incendio nella zona dell’esplosione. E’ l’ennesima volta che i terroristi prendono di mira gli oleodotti, i gasdotti o le linee di trasporto di derivati del petrolio facendole esplodere con ordigni, come successo fra la seconda metà di dicembre e il mese di gennaio con un oleodotto in provincia di Deir Ezzor; una linea per il trasporto di gasolio che va da Homs ad Hama e Idlib; un gasdotto proveniente dai campi della regione centrale, che passa vicino alla città di Al Rastan e rifornisce due centrali elettriche.
  • L’ingegnere George Maqaabry, direttore generale dell’ente per la rete ferroviaria, ha detto che l’importanza strategica che riveste la rete ferroviaria l’ha resa un bersaglio diretto dei gruppi terroristici, che intendono così colpire l’economia nazionale. Il direttore ha sottolineato che l’ammontare delle perdite causate dagli attentati e dai sabotaggi alle strade ferrate compiuti  finora è di circa 700 milioni di lire siriane (circa 9 milioni di euro).
  • Una delegazione di giornalisti sia arabi che stranieri ha visitato ieri il monastero di Saydnaya, in provincia di Damasco, bersaglio di un attacco terroristico nel pomeriggio di domenica scorsa, constatando i danni subiti dalla struttura. Alcune suore del monastero hanno raccontato i dettagli dell’attacco, effettuato da un gruppo terroristico armato usando una granata che ha attraversato il muro di una delle stanze senza però esplodere. Le monache hanno dichiarato che si tratta di un atto deplorevole, teso unicamente a fomentare la sedizione e colpire la coesione del tessuto sociale siriano.

*

ENGLISH:

  • Yesterday an armed terrorist group sabotaged a pipeline in the region of Bab Amro, near Homs, causing  a huge fire explosion in zone. And once again that terrorists are targeting oil pipelines, gas pipelines or transmission lines, petroleum derivatives, exploding them with weapons, as happened between the second half of December and January with a pipeline in the province of Deir Ezzor, a line for the transport of diesel fuel that goes from Homs to Hama and Idlib, a gas pipeline from the fields of the central region, which passes near the town of Al Rastan and two power supplies.
  • The engineer George Maqaabry, general manager for the rail network, said that because the strategic importance of the railway network, has made it a direct target of terrorist groups, who wish to hit the national economy. The Director stressed that the amount of losses caused by the attacks and sabotage the railroads is about 700 million SYP (about 9 million euros).
  • Yesterday a delegation of journalists, both Arabs and foreigners, visited the monastery of Saydnaya, target of a terrorist attack on the afternoon of Sunday, in the province of Damascus, noting the damage suffered by the structure. Some nuns of the monastery told the details of the attack (Video above), carried out by an armed terrorist group using a grenade that went through the wall of one of the rooms but did not explode. The nuns declared that it is a deplorable act, aimed only to stir up sedition and affect the social cohesion of the Syrian.

*

Advertisements
Gallery | This entry was posted in +Archivio Generale - All Posts, Ministero dell’Informazione Siriano, Siria, Syria. Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s