Ce la darà Grillo l’America!… mentre Napolitano ci da’ solo il voltastomaco

*

Due interessanti e divertenti articoli a cura di Stefano Moracchi (Attuazionista.Blogspot.it).

Due analisi graffianti, nelle quali si bastonano entrambi questi “campioni”, figli della stessa cultura “antifa”, anche se razzolanti in diversi pollai elettorali …per beccare meglio…

*

E’ lei, presidente Napolitano, ad essere indegno

Certo, chiederle di provare vergogna nel definire indegni gli italiani che evadono le tasse, con i suicidi giornalieri di coloro che, da veri italiani, sentono come disonore essere stati catapultati criminalmente ai margini della società, è come chiedere ad un vampiro di pentirsi per aver succhiato il sangue.

Per lei, invece, è cosa degna aver fatto il comunista con il cappuccio a stelle strisce sulla testa. È grazie a questa coerenza e sottomissione che si sente autorizzato a criminalizzare gli italiani, visto e considerato che siete stati voi ad averli messi nella condizione che, voi stessi, considerate disonorevole?

A quale evasione, presidente Napolitano, lei si riferisce? A quella, per esempio, che costringe lo Stato fantoccio, che lei indegnamente rappresenta, ad acquistare titoli spazzatura dagli Usa? Oppure a quella ideologica della Fornero, prevedendo “uscite virtuose” dal lavoro stabile e, quindi, costringere a scegliere tra il pagare “onorevolmente” le tasse oppure provvedere al sostentamento della propria famiglia?

Lei ha uno strano concetto dell’onore presidente Napolitano se non sente come disdicevole far diventare prima senatore a vita e poi presidente del consiglio colui che ha contribuito a creare la cosiddetta “crisi” facendo il “tecnico” di società finanziarie di riciclaggio di titoli spazzatura per conto degli Usa.

Oppure, presidente, ritiene più degno far lavorare sua nipote alla Regione Puglia alle dirette dipendenze del presidente Vendola?

Sa bene che non a tutti gli italiani è concesso questo degno privilegio, e allora ci chiediamo, con quale faccia tosta si permette di gettare discredito sugli italiani?

È facile parlare genericamente di evasione, presidente, mentre è molto più complicato entrare nel merito della questione e circoscrivere il fenomeno.

Visto che lei conosce meglio di tutti noi chi gestisce criminalmente il fenomeno dell’immigrazione , il modo in cui vengono fatti entrare sull’ex nostro territorio (ormai colonia americana), e come sono costretti a vendere illegalmente merce prodotta criminalmente in diverse regioni d’Italia, ci dica come pensa di risolvere questo problema fuori dalla retorica presidenziale?

O forse lei si riferiva a quegli italiani che, per conto della criminalità d’oltreoceano, riciclano i soldi che provengono dalla droga afgana (grazie all’attacco criminale all’Afghanistan) attraverso i centri commerciali (vere e proprie lavanderie).

Oppure si riferisce alla criminalità cinese che, oltre ridurre i propri connazionali in schiavitù, si sta impadronendo di interi quartieri italiani con sistemi che un paese “degno”, presidente, non potrebbe accettare.

Adesso, presidente, si prepari pure il discorso che terrà “degnamente” in occasione del 25 aprile parlandoci di libertà e del debito di riconoscenza verso i nostri “salvatori, un debito che stiamo pagando con il sudore e il sangue, con la sottomissione e il disonore.

Cerchi, se le riesce, di commuoversi meno ed essere più sincero verso i suoi diretti referenti di oltreoceano.

Un popolo colonizzato l’onore, presidente, lo conquista cacciando l’invasore non facendogli l’inchino.

Stefano Moracchi – 14/4/2012 – Attuazionista.Blogspot.it 

*

Ce la darà Grillo l’America!

Tutta basata sulla “logica del consumatore”, la “politica” di Grillo è la diretta espressione del “mascheramento” della “questione economica” e, proprio per questo, egli rappresenta il migliore alleato, in questa fase, degli interessi d’oltreoceano che hanno portato il “tecnico” Monti alla guida del governo.

Di comiche distrazioni politiche, che hanno favorito le varie transizioni alla sottomissione, ne abbiamo avute diverse, come quella del pupazzetto Benigni, assoldato dalla presidenza della repubblica per raccontare al “popolo italiano” la favoletta dell’Unità d’Italia. Solo un comico può seriamente assolvere il compito di stravolgere l’ordine dei fattori determinanti. Immaginate se, davanti a milioni di italiani, il comico Benigni avesse detto che l’unità d’Italia fosse nata attraverso un debito pubblico di milioni di lire di quell’epoca grazie a un prestito capestro concesso dai banchieri Rothschild e Hambro al fantoccio Cavour.

Se è triste rimpiangere un uomo come Craxi, è veramente tragico, un giorno, dover rimpiangere una nullità come il Trota. Allora, veramente, si avrà la consapevolezza del degrado politico, culturale e sociale raggiunto.

Persistendo nel mettere l’accento sulle ruberie, i privilegi e le manovre economiche, lasciando scoperto il fronte della comprensione politica che guida le dinamiche economiche, come ci si può aspettare qualcosa di diverso da un Grillo?

Che poi, Grillo stesso rappresenti l’utile idiota della transizione, questa è cosa di poco conto rispetto all’economia politica del discorso generale.

Quello che conta, è che non si vuole, e deve, mettere in luce il persistere del mascheramento, dell’occultamento di quella che è la vera posta in gioco: la completa disfatta di tutta la struttura organizzativa di quello che resta di questo Stato.

Il cambio dei rapporti sociali di produzione non avviene semplicemente sulle resistenze passive, ma soprattutto attraverso quelle attive giocate sulle mediazioni determinanti, interpretando le facili connessioni tra causa ed effetto dove, chi tira le fila, è completamente invisibile all’interno del marasma.

Assumere la veste del rappresentante dei consumatori facilita la distruzione delle mediazioni gestite dagli utili idioti di turno e allo stesso tempo favorisce il cambio dei rapporti sociali tutto a favore degli interessi del paese dominante in quanto, mettere in sintonia il consumatore con il produttore, è lo scopo principale di qualsiasi sottomissione democratica.

Nel concetto di consumatore c’è già tutto il progetto criminale in corso. Si annullano, apparentemente, i rapporti sociali determinanti e non si capisce verso chi, il consumatore, dovrebbe consumare la sua esperienza di vita.

Chiaramente, il personaggio Grillo è utile come esempio per dimostrare il pericolo che si corre nel mettere in primo piano il fattore economico rispetto a quello politico.

Il cambio di una criminale politica economica lo si ottiene attraverso il cambio di chi detiene il controllo dei mezzi di produzione. Difendere il presunto consumatore, addirittura consegnandolo totalmente a coloro che detengono criminalmente il controllo della produzione, è proprio nell’interesse di coloro che hanno consegnato il paese a Monti.

Quando ci si accorgerà che, tutto ciò che è nell’interesse dei criminali apparentemente coincide con l’indignazione generale e, soprattutto, popolare, solo una minoranza organizzata per interessi particolari sarà in grado di consumare quello che una maggioranza divisa e inconsapevole produce, senza peraltro essere in grado di consumare un bel nulla.

Un paese libero è composto da produttori. Un paese sottomesso non può che avere consumatori.

Stefano Moracchi – 19/4/2012 – Attuazionista.Blogspot.it

*

Reloaded by TerraSantaLibera

at http://wp.me/pVY5r-Mf

*

*

*

Advertisements
Gallery | This entry was posted in +Archivio Generale - All Posts, Beppe Grillo, Giorgio Napolitano, Politica Italiana, Sinistra, Sionistra, Truffe and tagged , , , , , , , . Bookmark the permalink.

One Response to Ce la darà Grillo l’America!… mentre Napolitano ci da’ solo il voltastomaco

  1. Pingback: Terra Santa Libera: 12 articoli di geopolitica « AGERECONTRA 2012

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s