Italia, Colonia Americana, Culturalmente e Linguisticamente Dipendente, Sempre Più Serva

Al Politecnico di Milano solo lezioni in inglese dal 2014:

lo stare “al passo coi tempi” prevale sulla difesa della nostra cultura‘.

A partire dall’anno accademico 2014-2015 al Politecnico di Milano si terranno solo corsi in lingua inglese. Il rettore Giovanni Azzone spiega che la scelta è votata ad offrire “un’apertura culturale internazionale, perché un ragazzo che si affaccia sul mondo del lavoro deve abituarsi a lavorare in contesti internazionali”. La notizia è passata un po’ sottotraccia, nessuna polemica né dibattiti. Segno che il nostro Paese già si trova in una fase di cambiamento radicale, tale da rendere non particolarmente clamorosa – alle orecchie dell’opinione pubblica – una notizia così singolare. Evidentemente gli italiani caldeggiano questa presunta necessità, evocata dal professor Azzone, di “aprirsi ad una cultura internazionale”, a costo addirittura di rinunciare alla propria. Già, perché una così palese bocciatura della nostra lingua da parte di uno dei più prestigiosi atenei del Paese rappresenta una disastrosa retrocessione della cultura italiana. Se in casa propria la lingua madre viene ritenuta inadatta alla formazione della futura classe dirigente, si nega la capacità della nostra cultura di rispondere alle nuove esigenze globali. Sradicare l’italiano dai corsi universitari di materie tecnico-scientifiche significa considerare la nostra forma mentis – dalla quale nasce il modo di comunicare, il linguaggio – un ostacolo all’apprendimento di nozioni oggi determinanti le dinamiche economiche e politiche. Una forma di razzismo culturale edulcorata dall’esigenza di stare “al passo coi tempi”. Curioso che questa notizia arrivi a breve distanza di tempo dalla fine delle celebrazioni per la ricorrenza dell’unità d’Italia, durante le quali il presidente Napolitano ha solennemente affermato che la lingua italiana si colloca “tra i fattori portanti dell’unità nazionale” e che, dunque, “deve stare al centro del percorso formativo del sistema della conoscenza”.

Stando a come uno dei maggiori atenei pubblici d’Italia intende riformarsi dal 2014, non si direbbe che le parole pronunciate dal presidente della Repubblica abbiano goduto di grossa considerazione. Del resto, la retorica è un bell’esercizio oratorio che spesso resta tale; mentre i provvedimenti concreti vengono sovente accompagnati da più freddi comunicati ma almeno sortiscono effetti reali. In questo senso è possibile riferirsi a ciò che è avvenuto più di un anno fa in Cina, Paese per altro profondamente inserito nel contesto scaturito dalla globalizzazione. Il governo di Pechino ha bandito l’uso della lingua inglese nei media nazionali. L’Agenzia Stampa di Stato ha motivato la battaglia contro l’allogeno idioma anglosassone sostenendo che il suo abuso “mina la purezza della lingua nazionale” e “distrugge uno sviluppo linguistico e culturale sano e armonioso, ed esercita un influsso negativo sulla società”. Chiarisce inoltre l’Agenzia Stampa di Stato che sarà possibile utilizzare parole straniere solo in casi straordinari, salvo fornire un’adeguata traduzione o spiegazione in cinese. Previste, per quanti contravvengono a quanto stabilito, sanzioni amministrative dall’ammontare pecuniario non specificato.

L'UNICA RISPOSTA CHE L'ITALIA INTERA DOVREBBE DARE A QUESTA NUOVA IMPOSIZIONE PSICO-IDEOLOGICO-COLONIALE, DOPO COCA.COLA, MACK.DONALD, HALLOWEEN E BIG.BROTHER, IN UN SEMPLICE UNIVERSALE GESTO CHE ANCHE GLI ANGLOSASSONI NELLA LORO MISERIA CULTURALE E STORICA POSSANO INTENDERE

Qualcuno ha definito parodistica tale severa presa di posizione a difesa della purezza della lingua cinese, qualcun altro la ritiene una battaglia obsoleta e persa in partenza. Tuttavia non mancano difensori di questo segnale di resistenza culturale all’appiattimento. Tra loro, l’Ambasciatore Bruno Bottai, presidente della “Società Dante Alighieri”, associazione che si occupa dell’insegnamento e della difesa della lingua e della cultura italiane. “Dai cinesi ci giunge un vero e proprio esempio di coscienza nazionale – affermò il Presidente della “Dante” -: tutti noi riconosciamo l’indiscusso valore dell’inglese quale idioma veicolare, ma consideriamo comunque irrinunciabili la difesa e la promozione della nostra lingua, simbolo di identità ed elemento unificatore dell’Italia. Per questo condividiamo in pieno la presa di posizione della Cina, custode di una lingua di millenaria cultura”. Una posizione di retroguardia rispetto a quell’apertura alla cultura internazionale di cui si farà presto alfiere il Politecnico di Milano? Forse è meglio definirla così: parole di buon senso – prima ancora che di amor patrio – pronunciate da un illustre rappresentante di quel che resta dell’Italia.

*

di Federico Cenci – Il Bersaglio – 16/4/2012

Reloaded & Supported by TerraSantaLibera.org

at http://wp.me/pVY5r-M8

*

Foto-composizione di TerraSantaLibera

*

Advertisements
Gallery | This entry was posted in +Archivio Generale - All Posts, Colonialismo, Colonialismo Americano, Colonialismo Ideologico e Culturale, Complotti, Corruzione, Corruzione Etica, Italia Serva USA, Mafia Culturale, Truffe, Vassallaggio and tagged , , , , , , , , , , , , . Bookmark the permalink.

3 Responses to Italia, Colonia Americana, Culturalmente e Linguisticamente Dipendente, Sempre Più Serva

  1. anna says:

    Non potrei essere piu daccordo con l áutore di questo articolo. Gli Italiani vanno sempre piu’ perdendo identita”, proprio la lingua che e’ espressione di cultura ed identita’ Nazionale, la snaturano ed imbastardiscono in continuazione, sotto la finta convinzione che in tal modo imparano línglese. Nel frattempo l’Italia si ridurra’ad una sorta di succursale degli Stati Uniti. Succursale che per altro riprodurra’ solo gli aspetti piu’ effimeri di quel paese, invece di quelli che in realta’ potrebbero essere presi ad esempio per la loro importanza! Grazie per l árticolo!

  2. Pingback: Terra Santa Libera: 12 articoli di geopolitica « AGERECONTRA 2012

  3. Pingback: Italia, Colonia Americana, Culturalmente e Linguisticamente Dipendente, Sempre più Serva | STAMPA LIBERA

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s