Intervista rilasciata dal Presidente Al-Assad al giornale Ceco ‘Literární Noviny’ ~ (ITA)

10896983_1038841596142931_3253104685412481337_n

Il presidente Bashar al-Assad ha dichiarato, in un’intervista rilasciata al quotidiano ceco ‘Literární Noviny’, che:

“la Siria é contro l’uccisione di persone innocenti ovunque nel mondo”,

sottolineando che

“I politici occidentali sono miopi, hanno una prospettiva ristretta, e, rispetto a ciò che è successo in Francia recentemente, si é  dimostrato ció che abbiamo sempre detto all’Occidente: che non è lecito sostenere il terrorismo e fornirgli una copertura politica, perché avrebbe prima o poi avuto un impatto negativo sui loro stessi paesi ed i loro popoli, ed era vero”.

Di seguito il testo integrale dell’intervista:

10917274_1038139809546443_4692273424023308931_n

Domanda 1: Signor Presidente, vorrei cominciare dall’inizio, poco meno di un decennio fa, la Siria stava costruendo le sue relazioni con l’Occidente e attuando le riforme proposte dalla Banca Mondiale, il signor John Kerry fino al 2010 La chiamava “caro amico”. Poi, d’improvviso, dal giorno alla notte, tutto è cambiato e siete diventato un ‘dittatore’, vi descrivevano come un ‘Hitler’. Cosa ne pensa di questo, e come possiamo spiegare questo cambiamento radicale?

Presidente al-Assad: In realtà, io non sono cambiato per niente, né io né le nostre politiche ed i nostri valori o i nostri principi. Il problema con l’Occidente, che non è un problema nuovo, riguarda l’indipendenza del nostro paese: essa in realtà il problema dell’Occidente con molti altri paesi, tra cui la Siria. Durante il periodo da lei indicato circa i rapporti con l’Occidente, tra il 2008 e il 2010, c’è stato un buon rapporto di relazioni, che in realtà peró non era basato sul rispetto reciproco. Ad esempio, la Francia voleva che la Siria svolgesse un ruolo con l’Iran sulla questione nucleare, non solo partecipare a quel dossier, ma di convincere l’Iran a prendere misure contrarie ai propri interessi, allora abbiamo rifiutato.

Come anche volevano che prendessimo posizione contro i movimenti della resistenza nella nostra regione, i quali vogliono che finisca l’occupazione israeliana e l’aggressione contro i palestinesi ed i loro paesi vicini: ed anche in questo caso abbiamo rifiutato.

Volevano farci firmare un accordo di partenariato europeo, i cui articoli sono però in conflitto con i nostri interessi, che avrebbero trasformato il nostro paese in un mercato con le porte spalancate ai loro prodotti, mentre in contraccambio ci avrebbero dato una piccola quota dei loro mercati: quindi abbiamo rifiutato di sottoscriverlo, perché esso era contrario agli interessi del popolo siriano. Questi sono solo alcuni esempi del tipo di rapporto che essi (l’Occidente, ndr) volevano, così hanno preso tale decisione (quella del ‘cambiamento radicale’ dei rapporti, ndr).

Lo stesso sta accadendo ora con la Russia. Due decenni fa, la Russia era un caro amico dell’Occidente. Improvvisamente, la Russia è diventata un ‘paese ostile’, e l’Occidente ha iniziato a demonizzare il presidente Putin, utilizzando una campagna di propaganda simile a quella in atto contro la Siria. Quindi, il problema risiede nell’indipendenza di questi paesi: l’Occidente vuole degli Stati sottomessi, governati da burattini, questa è l’essenza del problema nei rapporti con l’Occidente, non si tratta di democrazia, di libertà o supporto ai popoli della regione. L’esempio lampante di tutto ciò si può osservare nei fatti accaduti in Libia e nelle uccisioni (terroristiche, ndr) in corso in Siria, con l’appoggio dell’Occidente.

Siamo sempre stati disposti a unirci a qualsiasi paese sincero nella lotta al terrorismo, questa è stata la nostra posizione, non è mai cambiata e non cambierà mai”.

Domanda 2: Ma a quei tempi, all’inizio della cosí-detta ‘guerra americana al terrorismo’, la Siria era solita aiutare la CIA nel programma per consegnare interrogare e torturare i sospetti. Perché vi siete uniti a quel programma?

Presidente al-Assad: Vuoi dire prima della crisi?

Giornalista: Sì.

Presidente al-Assad:  Soffriamo a causa dell’estremismo da più di cinque decenni. E il terrorismo, nella sua forma piú forte, è apparso in Siria negli anni settanta del XX secolo. A quei tempi, facemmo appello per una cooperazione internazionale nella lotta al terrorismo. Ma allora a nessuno importava. In Occidente, non erano a conoscenza del problema. Perciò siamo sempre pronti ad aiutare e collaborare con qualsiasi paese che volesse veramente combattere il terrorismo. Per questo motivo abbiamo aiutato gli americani, e siamo stati sempre pronti a unirci a qualsiasi paese che onestamente combattesse il terrorismo. Noi non abbiamo mai modificato la nostra posizione a questo riguardo, né prima che durante o dopo la crisi. Il problema dell’Occidente é che non ha mai capito come saper affrontare questo problema. Si sono immaginati che la lotta al terrorismo fosse come un gioco da computer, cosa che non é vera. La lotta al terrorismo dovrebbe svilupparsi attraverso la cultura, l’economia, e in molteplici altri campi.

“I politici occidentali sono miopi, hanno una prospettiva ristretta, e, rispetto a ciò che è successo in Francia recentemente, si é  dimostrato ció che abbiamo sempre detto all’Occidente”.

Domanda 3: A proposito di terrorismo, senza dubbio ha sentito dei recenti eventi in Francia. Qual è il suo commento a riguardo?

Presidente al-Assad: Quando si tratta dell’uccisione di civili, a prescindere dalla loro posizione politica, o se siamo d’accordo o meno con le idee delle persone che sono state uccise, questo è terrorismo. Siamo contro l’uccisione di persone innocenti, ovunque nel mondo accada. Questo è il nostro principio. Siamo il paese più comprensivo e sensibile al mondo a questo problema, perché noi soffriamo a causa di questo tipo di terrorismo da ben quattro anni, perdendo migliaia di persone innocenti in Siria. Pertanto, ci sentiamo estremamente vicini alle famiglie di quelle vittime. Ma, allo stesso tempo, vogliamo ricordare ai molti in Occidente con i quali abbiamo parlato di queste implicazioni, sin dall’inizio della crisi in Siria, ed a cui abbiamo sempre detto e ripetuto: “Non dovete sostenere il terrorismo e fornirgli copertura politica, perché ció avrebbe prima o poi avuto un impatto sui vostri paesi e popoli. Ma i politici europei non ci hanno ascolto, erano miopi, con una prospettiva ristretta, e quello che è successo in Francia pochi giorni fa ha dimostrato che quello che abbiamo sempre detto era vero, e, allo stesso tempo, questo evento ha reso evidente la responsabilita delle politiche europee, perché esse sono responsabili di quanto è successo, sia nella nostra regione che in Francia di recente, e forse anche di ciò che in precedenza è accaduto in altri paesi europei.

“La lotta contro il terrorismo, non ha bisogno di un esercito, ma ha bisogno di buone politiche e che ci sia uno scambio di informazioni tra i paesi veramente interessati alla lotta al terrorismo”.

Domanda 4: Secondo lei, qual’é il modo migliore per combattere il terrorismo?

Presidente al-Assad: Dobbiamo distinguere tra ‘combattere i terroristi’ (fisicamente, ndr) e ‘combattere il terrorismo’ (strategicamente, ndr). Se vogliamo parlare della situazione attuale, dobbiamo combattere i terroristi, perché stanno uccidendo persone innocenti e quindi dobbiamo difendere queste persone. Questo per ora è il modo più urgente e importante per affrontare questo problema. Ma se stiamo parlando della lotta contro il terrorismo, questa non ha bisogno di un esercito, ma ha bisogno di buone politiche, le quali richiedono che per prima cosa si combatta l’ignoranza, attraverso la cultura e l’istruzione, costruendo una buona economia per combattere la povertà, e ci dovrebbe essere uno scambio di informazioni sensibili tra i paesi interessati alla lotta al terrorismo.

Il problema non va affrontato come è stato fatto in Afghanistan, mi riferisco in particolare a ció che hanno commesso in Afghanistan nel 2001. In quel periodo, un gruppo di membri del Congresso stava visitando Damasco parlava di invadere l’Afghanistan come vendetta di quello che era successo a New York in precedenza. Dissi loro che non é cosí che si affronta questo problema, perché la lotta al terrorismo è come il trattamento del cancro. Il cancro non si taglia, non si opera rimuovendo parti di esso, ma va sradicato completamente. Quello che è successo in Afghanistan è che hanno aperto una ferita in quel cancro, ed il risultato è stato che esso si è diffuso in modo più rapido. Quindi, come ho detto, ci si dovrebbe concentrare su buone politiche, sull’economia e la cultura.

… … … le altri parti sono in fase di traduzione … … …

Originally posted on TG 24 Siria

~

FULL INTERVIEW TRANSLATED IN ENGLISH AT:

President Bashar al-Assad to Czech ‘Literarni Noviny’: “The West wants client states ruled by puppets, this is the core issue with the West and it has nothing to do with democracy, freedom, or supporting the people in the region: an example is what happened in Libya and the continuing killing in Syria with Western support”

AT https://syrianfreepress.wordpress.com/2015/01/15/al-assad-40952/

~

This page at:
https://terrasantalibera.wordpress.com/2015/01/23/post-6543/

~

Gallery | This entry was posted in Bashar al-Assad, Interview, Interviste, Siria, Syria and tagged , , , , , , , , , , , , , , , . Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s