Elogio di Wahab, Primo nella Difesa dei Nostri Valori (ITA) ~ [satirical: Praising Wahab, First in Defense of Our Values…]

saudi_pigs-and-us-rats-4


By Maurizio Blondet, MaurizioBlondet.it

Un tecnico petrolifero britannico di nome Karl Andree, che lavorava da 24 anni in Arabia Saudita, è da mesi in carcere a Jedda e riceverà 350 frustate . Motivo della condanna, è stato trovato in possesso di alcune bottiglie di vino. Siccome ha 74 anni, la famiglia teme che possa morire sotto la punizione, ed ha chiesto al governo di intercedere.

Cameron ha protestato, anzi farà di qualcosa di più alto in difesa dei nostri valori e salvare la pelle al suo cittadino: sospenderà un contratto (di 5,9 milioni di sterline) grazie a cui Londra vende ai sauditi “le competenze acquisite dal ministero della Giustizia inglese nel servizio delle prigioni”, veniamo informati dal Telegraph.

Saudi Prince Bandar bin Sultan welcomes former British PM Tony Blair on his arrival in Jeddah

Apprendiamo il Regno Unito, quello che impone (come i nostri amati governi europei) sanzioni contro la Russia perché non obbedisce ai nostri valori, e arma i ribelli per distruggere Assad perché non sta al livello di alta civiltà che noi pretendiamo dagli altri, fornisce ai wahabiti il know-how carcerario.

Immaginarsi il dolore dei principi sauditi  per la perdita di tanta competenza. Pazienza, i wahabiti dovranno fare a meno delle tecniche moderne. Del resto se la cavano bene anche con quelle antiche loro; la loro magistratura resta altamente produttiva, facendo eseguire una condanna a morte ogni due giorni, ancorchè le esecuzioni vengano eseguite a mano con la vecchia cara scimitarra per lo più sulla pubblica via.

Quanto al britannico è da 12 mesi nella galera di Briman, “che ha reputazione di torture e condizioni inumane”, e non potrà godere della preziosa expertise inglese in fatto di tecniche carcerarie. L’ Arabia Saudita è il più grosso cliente del Regno Unito quanto ad armamenti. Ma ancor più grande cliente degli Stati Uniti, a cui ha comprato armamenti per 95 miliardi di dollari negli ultimi 5 anni.

usa-saudi-terrorists-620

Restiamo tutti molti vicini all’Arabia Saudita perché paga ed arma i ribelli moderati e vari tagliagole a cui vogliamo consegnare il potere in Siria, perché quello di Assad è disumano. E non è un buon cliente del sistema militare-industriale anglo-americano.

E’ di pochi giorni fa la notizia che una cameriera indiana di 55 anni, Kasturi Munirathinam, che lavorava presso una casa privata saudita da tre mesi, è stata oggetto di continue violenze ed umiliazioni fin dai primi giorni; dal suo letto d’ospedale, la signora racconta: “Ho capito che volevano farmi del male, allora ho detto alla padrona che non avevo bisogno di soldi, che volevo solo rientrare in India. Allora lei mi ha chiuso in una stanza. Io ho pianto, ho pregato che mi aprisse la porta. Alla fine ho cercato di scappare dalla finestra, ma la padrona mi ha visto e mi ha tagliato la mano”.

kasthuri-munirathinam-employee-maison-indienne-main-coupee-employeur-saoudien

La cameriera ha avuto la mano tagliata dalla datrice di lavoro wahabita. In pratica, secondo la legge coranica, è stata trattata come una ladra. Ogni padrona di casa saudita può e deve fare altrettanto. La diplomazia indiana ha elevato una protesta ufficiale contro il luminoso alleato che in Siria lotta al nostro fianco per i nostri valori. Il ministero degli Esteri dell’India ha trovato la cosa “Inaccettabile”. Proprio da poche settimane, un diplomatico saudita di stanza a Nuova Delhi se n’era dovuto partire con urgenza abbandonando le sue elevate funzioni, per il seguente motivo: la polizia aveva fatto irruzione nella sua casa di Gurgaon (una trentina di chilometri da Delhi) per salvare due donne nepalesi, che l’addetto d’ambasciata stuprava e pestava da tre mesi. Le due donne, uscite senza più nulla dal terremoto che ha scosso il Nepal il 25 aprile, avevano accettato quella che sembrava una vantaggiosa offerta di lavoro presso il diplomatico. Invece, appena arrivate, erano state chiuse dentro l’appartamento ed usate sessualmente dal personaggio e da suoi amici. “Per indebolirle, i torturatori le tenevano digiune per giorni, oltre a minacciarle di morte”, hanno raccontato i media indiani. Il governo saudita ha sottratto il suo delinquente al processo facendolo rientrare, e rifiuta di rispondere alle pressanti richieste del governo indiano. I nostri marò li difendiamo peggio.


RELATED: Riyadh repatriates diplomat suspected of raping two Nepalese women

repatriates diplomat suspected


Il 25 settembre scorso, a Los Angeles, il principe Majed Abdulaziz Al-Saud (uno della grande Famiglia regnante), anni 29, è stato arrestato per aver obbligato una delle sue dipendenti a fargli quello che in America si chiama un “lavoro di bocca”; la donna è stata soccorsa mentre, sanguinante, cercava di fuggire al nobile wahabita saltando dall’alto muro di cinta della magione che questi aveva affittato a Beverly Glen. A questo punto, sono saltate fuori altre tre donne a deunciare di aver subito le stesse aggressioni sessuali da Sua Nobiltà, i cui comportamenti hanno descritto come “estremi, scandalosi e spregevoli”. Il Dipartimento di Stato ha fatto di tutto per proteggere l’augusto – egli difende infatti i nostri valori in Siria, contro l’omofobo Vladimir Putin – ma siccome egli non era coperto da immunità diplomatica, ha dovuto pagare 300 mila dollari di cauzione per non andare in galera. A piede libero, non abiamo dubbi che il personaggio sia stato espatriato senza processo. Anche l’11 Settembre l’intera famiglia Bin Laden si trovava a New York per shopping, e il suo aereo (privato) fu il solo a decollare quel giorno, quando Bush jr. aveva chiuso tutti gli Stati Uniti al traffico aereo.

Non si pensi però che il regno più coranico e virtuoso che ci sia copra con l’impunità tutti i suoi sudditi. Per esempio, proverà i rigori della giustizia wahabita quella anonima giovane moglie saudita che, avendo scoperto il suo sposo il flagrante adulterio, l’ha filmato con lo smartphone mentre palpava e cercava di baciare una giovane cameriera filippina (che resisteva alle sue avances) e l’ha punito postando il video su facebook per svergognarlo, con il commento: “Mio marito merita uno scandalo, come minimo”.

wahabi-pervert

Il video ha avuto un notevole successo fra le donne saudite, evidentemente anch’esse aduse a questi problemi coi loro sporcaccioni di casa. Il fatto è che lo sporcaccione immortalato nelle sue palpazioni s’è rivolto alla inflessibile giustizia wahabita: la quale ha condannato non lui, ma la donna con la motivazione di aver “diffamato il suo consorte per mezzo delle nuove tecnologie” ma soprattutto “la nazione”, di cui la malvagia ha sporcato l’alta fama di purezza dei costumi e di insuperabile senso del pudore. La donna è sotto processo e rischia un anno di carcere e 500 mila rials di multa, ossia 180 mila euro.

Sempre meglio della pena cominata a Laila Bent Abdel Mouttalib Bassim, cittadina birmana che però faceva la serva in Arabia Saudita. Secondo la giustizia di re Abdallah, è colpevole di aver violato sessualmente la sua nipote di 7 anni e di averla uccisa. Un’accusa certamente provata dai meravigliosi tribunali islamici. La donna è stata decapitata sulle strisce pedonali di La Mecca. Lei ha gridato fino all’ultimo: “Sono innocente, è un’ingiustizia!”. Ma sì, ad ascoltare le donne di servizio, loro sono sempre innocenti. Ma sono donne. E di servizio. Una botta e via.

Le chiacchiere che wahabiti e wahabite si scambiano sui social preoccupano l’eccelsa Casa Regnante, la quale ha emanato un decreto per punire chi “diffonde voci sul governo” nei social media. Secondo la gravità dei pettegolezzi, le pene comprendono le usuali frustate, il carcere, il divieto di viaggiare all’estero e gli arresti domiciliari. Per i casi più gravi, la pena di morte.


RELATED: Saudi Arabia warns Twitter and Facebook ‘rumour-mongers’ they risk DEATH PENALTY in first ruling of its kind


La severità della pena è giustificata da alti valori morali: il re Salman, 80 e passa, già affetto da demenza senile o Alzheimer, è da settimane nel reparto di terapia intensiva al Re Faisal Specialist Hospital di Ryad, e si sta aggravando al punto che i medici curanti hanno cancellato il progetto di trasferirlo in più prestigiosi ospedali americani. In questo frangente vibra una intensa, bellissima lotta di potere fra nipoti e zii della famiglia Saud, di cui è bene che la popolazione non spifferi nemmeno una virgola.

E’ d’uopo ricordare che l’Arabia Saudita è da poco stata scelta per guidare il Consiglio dell’Onu sui Diritti Umani, evidentemente per i suoi meriti nella difesa dei Nostri Valori. Per esempio, contro la popolazione civile in Yemen usa il gas sarin: che è un gas odioso non usato da Assad, ma bastava l’accusa falsa per giustificare l’invasione occidentale in Siria. In Yemen le armi chimiche sono invece una necessità giustificata dal fatto che gli yemeniti odiano la nostra libertà.


RELATED: War Crimes Alert: Saudi-led occupation forces use chemical, biological weapons in Yemen

Chemicals-found-in-Syria-were-from-Saudi-Arabia-3


L’Arabia è un modello per tutti noi, non come Assad o peggio, la Russia. Per questo ci si apre il cuore ad una speranza: che presto le pene alternative colà praticate vengano introdotte anche da noi. Non si capisce altrimenti perché frustate, tagli di arti e decapitazioni siano là dei “diritti umani” e da noi no.

saudi-arabia-thelma-louise-ITA saudi-arabia-thelma-louise


SOURCES:
By Maurizio Blondet, MaurizioBlondet.it
this page at
https://terrasantalibera.wordpress.com/2015/10/20/elogio-di-wahab/
~
Re-publications are welcome, but we kindly ask you,
to facilitate the correct information's diffusion,
to cite all these original sources.

SCROLL DOWN TO READ OR LEAVE COMMENTS

Gallery | This entry was posted in Arabia Saudita, Crimes against humanity, Saudi Aarabia, Wahabiti, Wahhabi terrorists and tagged , , , , , , , , , , , , , , , , . Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s